filler
Sfatiamo subito un falso mito: questa tossina nei modi e dosi indicati da numerosi studi scientifici non è assolutamente pericolosa come i media ci vogliono far credere. Basti pensare che anche se ne prendessimo 10 flaconi non ci farebbe nulla ( in medicina estetica se ne utilizza meno di uno ogni volta). Oramai si utilizza da quasi quindici anni in maniera intensiva negli ospedali e studi medici di tutto il mondo.

Agisce andando ad indebolire temporaneamente la contrazione muscolare di quei muscoli che formano le rughe della radice del naso, tra le sopracciglia, fronte e zampe di gallina. Si applica con delle punturine su punti specifici del terzo superiore del volto e quindi non c’è diffusione oltre un cm altrove.

È il rimedio più importante per le rughe prima ancora dei fillers, perché logicamente prima si deve togliere l’azione del muscolo e poi eventualmente riempire con un filler la ruga residua.